tecnologia

Overland 13: da Milano a Shanghai senza autista

Oggi, da Piazza Duomo (Milano) il sindaco Letizia Moratti inaugurerà il “fantascientifico” progetto Overland 13 Milano-Roma-Mosca-Shanghai. Si tratta di una spedizione di mezzi ad energia solare, in grado di muoversi autonomamente lungo tutto il tragitto (13.000 Km), senza l’ausilio di persone al volante. Il punto d’arrivo sarà la sede del World Expo 2010: in tal modo si è voluto individuare un ponte ideale tra la città che ospita l’Expo di quest’anno e Milano, in cui si svolgerà l’Expo 2014. Le auto sono il frutto di anni di ricerca condotta presso l’Università di Parma, istituto Vislab.

Ecco come Alberto Broggi (coordinatore del Vislab) racconta questa avventura scientifica (fonte: http://parma.repubblica.it):
Professor Broggi, come vi è venuta l’idea mandare un’auto da sola in Cina?
Sono ormai più di 15 anni che lavoriamo in questo settore e abbiamo sviluppato molti sistemi di aiuto alla guida, per ridurre il numero di incidenti, o per diminuirle le conseguenze. L’idea ora è di testare i nostri sistemi in modo estremo per valutarne le prestazioni. I test vanno condotti per lungo tempo in condizioni diverse. E quindi ecco l’idea di un percorso lungo ed estremo, come quello per la Cina. Attraverseremo zone con diverso traffico, infrastrutture stradali, meteo, regole comportamentali, e verificheremo dove i nostri sistemi non funzionano per poi migliorarli al termine o durante il viaggio.
L’obiettivo è di tornare indietro con un’esperienza unica che ci permetterà di migliorare i nostri progetti e svilupparne di nuovi. Registreremo tutti i dati del viaggio: circa 100 terabytes. Un database unico che vorremmo anche condividere con altri centri di ricerca in modo da far progredire velocemente gli studi nel settore.
Voglio sottolineare che non è una ‘dimostrazione ma un ‘test’: sono sicuro che avremo problemi e che dovremo intervenire (non riusciremo sicuramente a percorrere il 100% dei 13.000 km in automatico) ma questo fa parte dell’incremento della nostra esperienza: paradossalmente, più interventi faremo, più saranno le situazioni sulle quali lavoreremo quando saremo indietro e ci consentiranno di crescere.
Quali possono essere gli utilizzi di questi sistemi di automazione su vasta scala?
Ogni anno muoiono sulle strade europee 40.000 persone, e il 93% degli incidenti è dovuto a causa umane: se sistemi di questo tipo fossero installati sui veicoli si avrebbe sicuramente un miglioramento della situazione. Peccato però che servono finanziamenti per le ricerche. Noi abbiamo avuto la fortuna che ho ricevuto personalmente un grosso grant dalla Comunità europea che ci ha permesso di continuare a sovolgere queste ricerche e anche di organizzare questo grosso test.
Può spiegare a chi non si intende di ingegneria quali sono le tecnologie che permettono all’auto di muoversi senza conducente?
Non è difficile da capire: sul veicolo abbiamo delle telecamere e dei laser che ‘guardanò il mondo; i calcolatori di bordo capiscono la situazione, pianificano le reazioni agli eventi e infine inviano comandi allo sterzo, acceleratore e freno.
Quante persone sono coinvolte nel Vislab? Chi vi ha aiutato ad organizzare questa impresa?
Al VisLab siamo circa 20 persone, ma a questo progetto hanno lavorato anche numerosi studenti: con loro siamo una trentina. Per la parte organizzativa, logistica e mediatica è Overland che sta gestendo tutto: visti, permessi, assicurazioni, la spedizione. Per la parte finanziaria, questo è il solito testo dolente… Come dicevo sopra, grazie al grant che ho ricevuto da Erc siamo riusciti a pagare le attrezzature e il tempo di alcune persone. Poi alcuni sponsor tecnici ci hanno fornito del materiale. Purtroppo ho inviato una proposta al Ministero per un progetto simile  lo scorso 30 novembre 2007, ho avuto come valutazione intermedia ‘excellent’, ma sto ancora aspettando la valutazione finale…
Ad ogni modo è stata assolutamente vincente l’idea di organizzare un evento del genere in quanto siamo riusciti ad attirare sponsor che ci hanno fornito materiale per il nostro vero scopo: effettuare un test estensivo delle nostre tecnologie.
Concretamente, come è organizzata la spedizione?
Noi seguiremo il viaggio: ci saranno due veicoli elettrici sulla strada: uno davanti guidato manualmente o automaticamente, che registra tutti i dati. L’altro che segue in modo automatico. Su entrambi i mezzi ci saranno 2 persone del mio gruppo per ogni evenienza. La spedizione è formata da 4 nostri veicoli elettrici, 2 camion Overland, una bisarca, 4 camper. Percorreremo tendenzialmente strade minori.
E’ vero che l’auto automatica funziona con l’energia solare? Quindi non ci sarà bisogno di fermarsi a fare benzina?
E’ parzialmente vero: il pannello solare alimenta il pilota automatico, cioè tutta la nostra tecnologia: sensori, elaboratori, attuatori… Il pilota automatico oltre a migliorare la sicurezza e a movimentare merci senza bisogno di operatori, è anche ecosostenibile. La propulsione avviene elettricamente, ma le batterie andranno ricaricate regolarmente. Non useremo benzina sui nostri mezzi, ma solo elettricità, dimostrando che un giorno sarà possibile spostare le merci da un capo all’altro del mondo, senza bisogno di operatori umani e senza consumare carburante tradizionale. E’ ancora un sogno, ma questo esperimento mostrerà che ci stiamo avvicinando!
In tutti questi anni di studi sulla guida automatica, vi sono mai capitati dei problemi? C’è qualche aneddoto che ci può raccontare?
Incidenti veri, fortunatamente no. Solo ‘piccoli’ inconvenienti, come quella volta che abbiamo sbattuto contro un paletto (mentre alla guida c’era un operatore umano!) o quando, prima di una  dimostrazione importantissima, abbiamo notato che c’era un problema sul sistema di frenata di emergenza. E spero di non averne altri da raccontare al termine del viaggio in Cina…

Advertisement

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s