india · politica

L’India “restituisce” Bin Laden al Pakistan… e forse trova una sponda in Occidente

Era notte in Italia quando il presidente degli Stati Uniti d’America in un comunicato ufficiale ha affermato che poche ore prima, in un’operazione congiunta di intelligence e forze militari USA, Osama Bin Laden è stato ucciso durante un conflitto a fuoco. Bin Laden si trovava nella città pakistana di Abbottabad, a nord di Islamabad (qui trovate la notizia battuta da AlJazeera).

Ora, lasciando da parte le ovvie reazioni positive dell’amministrazione statunitense, e dell’Occidente in generale, e ammettendo che tutta questa vicenda non sia una montatura americana per decongestionare alcune delle proprie tensioni interne (è infatti troppo presto per dirlo, e nondimeno alcune “prove” della morte di Bin Laden sarebbero non attendibili: vedi qui), colpisce il fatto che l’India abbia accolto la notizia definendo il Pakistan un «santuario per terroristi». Lo ha detto oggi il ministro indiano degli Interni P. Chidambaram, che ha aggiunto come la morte di Bin Laden sia «una svolta storica e una vittoria fondamentale nella decennale lotta contro il terrorismo».

In questo modo l’India restituisce bellamente al mittente le accuse, più volte mosse dalla stampa pakistana, di aver dato asilo e protezione al leader di Al Qaeda. Ma non solo: la posizione politicamente debole che ha ora esplicitamente assunto il Pakistan agli occhi dell’Occidente, come di uno Stato da considerare con un certo sospetto, permette all’India di avanzare anche le proprie richieste in merito alla tutela anti-terroristica, richieste che sembrano innestarsi adesso a pieno titolo entro la prospettiva di lotta la terrorismo avviata dagli USA, anzitutto, e dall’Europa, in secondo luogo. E l’India non ha perso certo tempo, è già stata inoltrata infatti  la richiesta d’arresto per i responsabili degli attentati di Mumbai del 2008, che sono costati la vita a 166 persone.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s