curiosità · società

Ganesha e Lakshmi… a tutta birra!

L'immagine scelta dalla Brookvale Union per la sua birra allo zenzero
L’immagine scelta dalla Brookvale Union per la sua birra allo zenzero

La Brookvale Union, fabbrica di birra australiana del New South Wales ha avuto una pensata commerciale un po’… azzardata. Per la sua linea di birra allo zenzero, infatti, ha deciso di stampare etichette raffiguranti l’immagine della testa del dio Ganesha sovrapposta al corpo della dea Lakshmi, oltre ad altri simboli della religione hindu, come una tigre sullo sfondo e la testa di una vacca. La tagline scelta dalla Brookvale Union per lanciare la birra è «Quality Nonsense». Inutile dire che è stata immediata la reazione irritata degli indiani residenti in Australia, e non solo.

Alla trovata della Brookvale Union risponde il leader hindu Rajan Zed (presidente della Universal Society of Hinduism), che ha dichiarato che l’uso di divinità o simboli della religione hindu a scopi commerciali non è accettabile perché ferisce i sentimenti dei devoti. «Il dio Ganesha e la dea Lakshmi – continua Zed – sono molto venerati dai fedeli hindu e devono essere adorati nei templi o nei santuari domestici, non usati per la vendita di birra». In ogni caso, conclude Zed, i simboli di fede, di qualsiasi fede, non dovrebbero mai subire un simile trattamento, e mai essere utilizzati per interessi di mercato. Egli ha quindi chiesto che la birreria ritiri dal comercio le bottiglie con le immagini delle divinità.

Sul sito web della Brookvale Union – ora modificato – originariamente la stessa immagine dell’etichetta compariva in movimento sulla pagina e la testa di Ganesha era sostituita con quella del leggendario giocatore indiano di cricket Sachin Tendulkar ogni volta che vi si puntava il cursore sopra. Attualmente l’immagine che fluttua da una parte all’altra della pagina è un disco che raffigura, pare, l’idealizzazione del volto della luna.

Va ricordato, però che la Brookvale Union non è la prima fabbrica di birra a compiere una gaffe del genere. Già l’anno scorso, infatti, la Burnside Brewing Company, con sede in Oregon, dopo aver lanciato la birra Kali-Ma, ha dovuto scusarsi pubblicamente per aver suscitato numerose proteste e ricevuto attestati di indignazione da parte non solo di devoti hindu, ma anche di esponenti del BJP.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s